PDA

Visualizza versione completa : Colleghi impiccioni... e limite alla sopportazione!


cris.1983
25/05/2009, 10.00
Lavoro in un ufficio dove i colleghi non riescono a farsi gli affari propri. Il brutto è che io sono talmente tanto ingenua (stupida a sto punto) da credere che le persone almeno per una volta riescano a cambiare. Sono qua da 9 mesi e ci rimarrò per altri 7. Quando sono arrivata, mi sono subito accorta che c'erano i gruppetti, che bisognava guardarsi le spalle da tutti, che potevo fidarmi di ben poche persone perchè alla prima occasione ti pugnalano alle spalle. L'ultima è successa venerdì. Dovete sapere che mi han rinnovato il contratto interinale fino a dicembre, ma sembra che cmq vengano fatte delle assunzioni per personale a tempo indeterminato che ha vinto dei concorsi e che quindi, nel giro di qualche mese, saremo in 6 ragionieri quando già in 2 non riusciamo a trovare lavoro per passare la giornata. E proprio qui sta il punto: la mia collega è in infortunio da 2 mesi e io mi ritrovo qua sola soletta a non fare nulla. Lavoro non ce n'è, le giornate passano lente lente e l'ansia sale perchè mi sento frustrata dalla situazione. Per concludere il quadro, da inizio aprile abbiamo cambiato capo che non mi considera, tant'è che spesso neanche saluta, da lavoro a tutti tranne che a me senza che io abbia fatto mai nulla di male, anzi. stanca di questi comportamenti, giovedì ho parlato con un collega dicendo che sono preoccupata di come andranno i prossimi mesi e di voler avere più responsabilità, far vedere quello che valgo, di imparare anche cose che non mi competono perchè così non va. Non voglio venire qua a fare presenza, scaldare una sedia aspettando le 17 o il venerdì, questa non è vita a 26 anni. A gennaio non mi rinnoveranno il contratto, potrei stare a casa e allora perchè non sfruttare questo lavoro? Perchè dare i miei meriti agli altri che per farsi vedere belli si prendono anche il mio lavoro? Perchè è così, io ho quelle 4 cose da fare e il capo chiede agli altri e non a me di spiegare come stanno le cose. Capite che arrivo al lunedì che sono disperata!! Fatto sta che questo collega ne ha parlato con un'altra persona che è andata dal capo a dirgli che io sono brava, che può darmi lavoro, che mi lamento che non ne ho e che sono esclusa. Lui ha risposto che mi ritiene proprio brava e che vedrà come riorganizzare le cose, ma dico io, adesso sono passata per quella che si lamenta a destra e a manca, quando ero io la prima che volevo andare a parlare con lui direttamente quando riuscivo a trovarlo libero. Le unghie ce le ho anche io! Come mi comporto adesso? Devo dire qualcosa al mio collega pettegolo o sto semplicemente zitta e quando c'è l'occasione parlo direttamente con il capo dicendogli che ho saputo che qualcuno è andato da lui senza il mio consenso???

zellina
25/05/2009, 10.38
Grazie a questo collega di fatto otterrai quello che volevi. E se avessi voluto parlare col capo avresti potuto farlo anche prima no?

figliadeglidei
25/05/2009, 12.22
non capisco di cosa ti lamenti, magari sto poveretto ha anche pensato di farti un favore ad iniziare a dirlo al capo, poi hai ottenuto quel che volevi, cosa ti lagni a fare? sii contenta, madonna ma non vi va mai bene un cazzo eh

elisabetta85
25/05/2009, 13.32
non capisco di cosa ti lamenti, magari sto poveretto ha anche pensato di farti un favore ad iniziare a dirlo al capo, poi hai ottenuto quel che volevi, cosa ti lagni a fare? sii contenta, madonna ma non vi va mai bene un cazzo eh

cazzo, ma veramente!!! ti ha fatto 1 favore! e scommetto che se invece nn avessero fatto niente ti saresti lamentata x la loro "indifferenza".

cryluna
25/05/2009, 14.49
cazzo, ma veramente!!! ti ha fatto 1 favore! e scommetto che se invece nn avessero fatto niente ti saresti lamentata x la loro "indifferenza".

Ma infatti, non capisco di che ti lamenti.

Ti ha fatto un gran favore, visto che tu non saresti mai andata dal capo (altrimenti l'avresti già fatto da un po').

Manco gli avesse detto che di notte fai la escort!

tottola
25/05/2009, 14.57
Lavoro in un ufficio dove i colleghi non riescono a farsi gli affari propri. Il brutto è che io sono talmente tanto ingenua (stupida a sto punto) da credere che le persone almeno per una volta riescano a cambiare. Sono qua da 9 mesi e ci rimarrò per altri 7. Quando sono arrivata, mi sono subito accorta che c'erano i gruppetti, che bisognava guardarsi le spalle da tutti, che potevo fidarmi di ben poche persone perchè alla prima occasione ti pugnalano alle spalle. L'ultima è successa venerdì. Dovete sapere che mi han rinnovato il contratto interinale fino a dicembre, ma sembra che cmq vengano fatte delle assunzioni per personale a tempo indeterminato che ha vinto dei concorsi e che quindi, nel giro di qualche mese, saremo in 6 ragionieri quando già in 2 non riusciamo a trovare lavoro per passare la giornata. E proprio qui sta il punto: la mia collega è in infortunio da 2 mesi e io mi ritrovo qua sola soletta a non fare nulla. Lavoro non ce n'è, le giornate passano lente lente e l'ansia sale perchè mi sento frustrata dalla situazione. Per concludere il quadro, da inizio aprile abbiamo cambiato capo che non mi considera, tant'è che spesso neanche saluta, da lavoro a tutti tranne che a me senza che io abbia fatto mai nulla di male, anzi. stanca di questi comportamenti, giovedì ho parlato con un collega dicendo che sono preoccupata di come andranno i prossimi mesi e di voler avere più responsabilità, far vedere quello che valgo, di imparare anche cose che non mi competono perchè così non va. Non voglio venire qua a fare presenza, scaldare una sedia aspettando le 17 o il venerdì, questa non è vita a 26 anni. A gennaio non mi rinnoveranno il contratto, potrei stare a casa e allora perchè non sfruttare questo lavoro? Perchè dare i miei meriti agli altri che per farsi vedere belli si prendono anche il mio lavoro? Perchè è così, io ho quelle 4 cose da fare e il capo chiede agli altri e non a me di spiegare come stanno le cose. Capite che arrivo al lunedì che sono disperata!! Fatto sta che questo collega ne ha parlato con un'altra persona che è andata dal capo a dirgli che io sono brava, che può darmi lavoro, che mi lamento che non ne ho e che sono esclusa. Lui ha risposto che mi ritiene proprio brava e che vedrà come riorganizzare le cose, ma dico io, adesso sono passata per quella che si lamenta a destra e a manca, quando ero io la prima che volevo andare a parlare con lui direttamente quando riuscivo a trovarlo libero. Le unghie ce le ho anche io! Come mi comporto adesso? Devo dire qualcosa al mio collega pettegolo o sto semplicemente zitta e quando c'è l'occasione parlo direttamente con il capo dicendogli che ho saputo che qualcuno è andato da lui senza il mio consenso???

immagino che per te fosse importante parlare col capo personalmente..
sicuramente il tuo collega ha parlato in buona fede pensando di farti un favore,non ha capito le tue intenzioni

elisabetta85
25/05/2009, 16.03
immagino che per te fosse importante parlare col capo personalmente..
sicuramente il tuo collega ha parlato in buona fede pensando di farti un favore,non ha capito le tue intenzioni

la prossima volta ci pensi prima e vada di xsona a parlargli.

cris.1983
25/05/2009, 16.21
Oh grazie Tottola di aver capito! L'unica cosa che non mi è piaciuta è il fatto che non si può parlare di nulla qua dentro che tempo due secondi e lo sanno tutti o la persona con cui parli va a riferirlo a qualcun'altro. Magari l'avrà fatto in buona fede o no, visto le cattiverie che sparano ogni giorno, certo è che il termine "farsi gli affari propri" non esiste. Cmq il capo è arrivato da poco, il tempo di ambientarsi e di vedere come lavora, mica potevo assalirlo dopo una settimana??? Le occasioni per parlarci sono poche, visto che la scorsa settimana è stato poco in ufficio, ma cmq non deve giustificarmi di quanto tempo mi prendo per capire le sue intenzioni e i suoi comportamenti. Il lato positivo sì che lo vedo, ma provate anche voi a mettervi nella mia situazione, anche se non la conosce molto visto che non la vivete, prima di sparare sentenze.

cryluna
25/05/2009, 16.25
Oh grazie Tottola di aver capito! L'unica cosa che non mi è piaciuta è il fatto che non si può parlare di nulla qua dentro che tempo due secondi e lo sanno tutti o la persona con cui parli va a riferirlo a qualcun'altro. Magari l'avrà fatto in buona fede o no, visto le cattiverie che sparano ogni giorno, certo è che il termine "farsi gli affari propri" non esiste. Cmq il capo è arrivato da poco, il tempo di ambientarsi e di vedere come lavora, mica potevo assalirlo dopo una settimana??? Le occasioni per parlarci sono poche, visto che la scorsa settimana è stato poco in ufficio, ma cmq non deve giustificarmi di quanto tempo mi prendo per capire le sue intenzioni e i suoi comportamenti. Il lato positivo sì che lo vedo, ma provate anche voi a mettervi nella mia situazione, anche se non la conosce molto visto che non la vivete, prima di sparare sentenze.

E stranamente chi ti da ragione è l'unica ad aver capito e le altre sparano sentenze.

Che monotonia.

saruccia82
25/05/2009, 16.29
non capisco di cosa ti lamenti, magari sto poveretto ha anche pensato di farti un favore ad iniziare a dirlo al capo, poi hai ottenuto quel che volevi, cosa ti lagni a fare? sii contenta, madonna ma non vi va mai bene un cazzo eh

Belin ma trovali dei colleghi che apprezzano il tuo lavoro pur essendo l'ultima arrivata e che soprattutto si prendono la briga di andare dal capo a metterti in buona luce.....mah, chi ha il pane nn ha i denti e chi ha i denti nn ha il pane....:rolleyes:

single1973
25/05/2009, 16.30
Oh grazie Tottola di aver capito! L'unica cosa che non mi è piaciuta è il fatto che non si può parlare di nulla qua dentro che tempo due secondi e lo sanno tutti o la persona con cui parli va a riferirlo a qualcun'altro. Magari l'avrà fatto in buona fede o no, visto le cattiverie che sparano ogni giorno, certo è che il termine "farsi gli affari propri" non esiste. Cmq il capo è arrivato da poco, il tempo di ambientarsi e di vedere come lavora, mica potevo assalirlo dopo una settimana??? Le occasioni per parlarci sono poche, visto che la scorsa settimana è stato poco in ufficio, ma cmq non deve giustificarmi di quanto tempo mi prendo per capire le sue intenzioni e i suoi comportamenti. Il lato positivo sì che lo vedo, ma provate anche voi a mettervi nella mia situazione, anche se non la conosce molto visto che non la vivete, prima di sparare sentenze.

per spettecolare bisogna essere in 2. La prossima volta se hai delle richieste da fare va direttamente dal boss. Quando non hai lavoro statti al pc oppure metti le fatture in ordine di data.Quando sei interinale, spettecolare e' un modo infallibile per NON essere riconfermata

cryluna
25/05/2009, 16.30
Belin ma trovali dei colleghi che apprezzano il tuo lavoro pur essendo l'ultima arrivata e che soprattutto si prendono la briga di andare dal capo a metterti in buona luce.....mah, chi ha il pane nn ha i denti e chi ha i denti nn ha il pane....:rolleyes:

Belin, una corregionale.

cris.1983
25/05/2009, 16.37
Infatti io non ho spettegolato. E soprattutto per le mie cose so arrangiarmi da sola, quindi se ho qualcosa da dire la dico, mica tanti fastidi. Non ho risposto alle domande del collega per invogliarlo a parlare con altre persone. Cmq visto che non mi conoscete personalmente non potete neanche permettervi di giudicare.

single1973
25/05/2009, 16.38
Il punto non e' mettere in buona luce, con tutta la domanda di lavoro che c'e', unita alla scarsita' dell'offerta e' una vera giungla e se io fossi capo del personale in quell'azienda non confermerei una persona che si comporta cosi'. I tempi morti al lavoro vanno gestiti senza spettegolare, meglio essere antipatica ed andare avanti per la tua strada invece di essere l'amicona di tutti che poi e' considerata una pettegola incompetente.Come dico tutti i giorni nel mio ufficio, in ufficio si va a lavorare, poi se nascono legami di amicizia, ben venga si lavora piu' in armonia e ci si vede fuori. Ma in ufficio si lavora. PuntoNon sono ancora responsabie dell'ufficio, vedremo che succedera' nel 2010 quando andra' via il mio capo, sto corteggiando la sua poltrona...

cryluna
25/05/2009, 16.40
Il punto non e' mettere in buona luce, con tutta la domanda di lavoro che c'e', unita alla scarsita' dell'offerta e' una vera giungla e se io fossi capo del personale in quell'azienda non confermerei una persona che si comporta cosi'. I tempi morti al lavoro vanno gestiti senza spettegolare, meglio essere antipatica ed andare avanti per la tua strada invece di essere l'amicona di tutti che poi e' considerata una pettegola incompetente.Come dico tutti i giorni nel mio ufficio, in ufficio si va a lavorare, poi se nascono legami di amicizia, ben venga si lavora piu' in armonia e ci si vede fuori. Ma in ufficio si lavora. PuntoNon sono ancora responsabie dell'ufficio, vedremo che succedera' nel 2010 quando andra' via il mio capo, sto corteggiando la sua poltrona...

Allora in bocca al lupo e in chiulo alla balena.

ps: sono d'accordo con te.

single1973
25/05/2009, 16.46
Allora in bocca al lupo e in chiulo alla balena.

ps: sono d'accordo con te.

grazie cara!! ci vuole ancora un po' speriamo che si incastra con l'uscita del concorso, sai com'e' il pubblico...

cryluna
25/05/2009, 16.47
grazie cara!! ci vuole ancora un po' speriamo che si incastra con l'uscita del concorso, sai com'e' il pubblico...

e beh qualche volta serve anche una sana botta di chiulo.

cris.1983
25/05/2009, 16.50
Infatti, io73, sono d'accordo con te con quello che hai detto. Ma il punto è che io non ho spettegolato, non ho parlato male di nessuno, ho solo risposto ad una domanda e anzi, mi sono state dette anche cattiverie false tipo che il capo mi ritiene una merda solo perchè non laureata solo per screditarmi. E molte altre cose che non mi va di scrivere qua. I miei colleghi non sono dei santi e io mi faccio semplicemente i cavoli miei, sto per i fatti miei, faccio l'educata che è diverso dall'amicona e non mi impiccio. Capisci anche tu però che non bisogna farsela mettere in quel posto solo perchè non si vuole essere immischiati con niente e nessuno. Io spero che la mia collega abbia fatto le cose in buona fede, senza però parlarne prima con me, ma la situazione non è come la descrivi tu. Si viene confermati e si hanno delle gratificazioni sul lavoro in base a quello che fai, a come lavori e produci. Perchè se ci si dovesse basare su come ti comporti e basta, allora ti assicuro che qua dentro sarebbero tutti a casa!

single1973
25/05/2009, 17.06
Infatti, io73, sono d'accordo con te con quello che hai detto. Ma il punto è che io non ho spettegolato, non ho parlato male di nessuno, ho solo risposto ad una domanda e anzi, mi sono state dette anche cattiverie false tipo che il capo mi ritiene una merda solo perchè non laureata solo per screditarmi. E molte altre cose che non mi va di scrivere qua. I miei colleghi non sono dei santi e io mi faccio semplicemente i cavoli miei, sto per i fatti miei, faccio l'educata che è diverso dall'amicona e non mi impiccio. Capisci anche tu però che non bisogna farsela mettere in quel posto solo perchè non si vuole essere immischiati con niente e nessuno. Io spero che la mia collega abbia fatto le cose in buona fede, senza però parlarne prima con me, ma la situazione non è come la descrivi tu. Si viene confermati e si hanno delle gratificazioni sul lavoro in base a quello che fai, a come lavori e produci. Perchè se ci si dovesse basare su come ti comporti e basta, allora ti assicuro che qua dentro sarebbero tutti a casa!

Per quanto riguarda i criteri di riconferma e' la somma che da' il risultato. In ufficio spettegolare non vuol dire parlare male, ma semplicemente parlare.Stavolta e' andata cosi' da oggi in poi limitati a fare il tuo lavoro.E' solo un consiglio